Crisi del Dollaro: gli Stati Uniti si preparano alla guerra civile!

Share:
Condividi

In un servizio della TruNews Radio si è dichiarato che fonti attendibili avrebbero riferito che lo US Department of Homeland Security (DHS) si sta preparando ad una pericolosa guerra civile negli Stati Uniti, come conseguenza al rovinoso crollo dell’economia americana. Ogni notizia riguardante movimenti di truppe e attrezzature militari, la militarizzazione della polizia, acquisto di munizioni, è collegata ai preparativi per una probabile rivolta di massa. Le fonti hanno confessato le loro preoccupazioni all’imminente fine del dollaro come valuta di riserva mondiale. Come le rivolte in Grecia si sono rivelate un problema, una rivolta armata degli americani diventerebbe una questione e un problema molto più serio di sicurezza nazionale.
Porter Stansberry, fondatore della Stansberry & Investment Research Associates in una lettera accorata al popolo americano, ha confermato questa ipotesi. Questa crisi incombente è legata alla crisi finanziaria del 2008 ma è infinitamente più pericolosa. Ci saranno disordini nelle strade, arresti su una scala senza precedenti e la legge marziale. Da molti anni, il governo americano ha ricevuto in prestito così tanto denaro (molto spesso con prestiti a breve termine), che molto presto, non sarà più in grado di permettersi neanche gli interessi su questi prestiti. Anche se tutti i cittadini statunitensi fossero tassati al 100% del loro reddito non sarebbe sufficiente ad equilibrare il bilancio federale. Si chiederebbe ancora in prestito denaro, solo per mantenere lo status quo. Il governo federale prende in prestito 40 centesimi per ogni dollaro che spende. Come può essere sostenibile? Quando il sistema bancario crollò nel 2008, tutti i crediti inesigibili sono stati assorbiti dai governi del mondo. E continua ancora oggi. Quando Fannie Mae e Freddie Mac crollarono nell’estate del 2008, il governo degli Stati Uniti rispose semplicemente garantendo tutto il loro debito. Più recentemente, il governo ha stampato centinaia di miliardi di dollari, per quale scopo? Per acquistare titoli di Stato propri. Oggi, gli Stati Uniti hanno il debito pubblico più alto di qualsiasi altro paese nel mondo. Più di tutta l’Unione Europea. Il problema è che all’indebitamento si risponde con altro debito. Le spese di manutenzione dei debiti sono in procinto di salire alle stelle. In questo momento la Federal Reserve sta manipolando i tassi d’interesse quasi a zero. Di conseguenza, il tasso di interesse al quale il nostro governo può prendere in prestito denaro è ad un livello basso record, meno dell’1,5%. Ovviamente, questo non durerà per sempre. La domanda è, quanto si dovrà spendere di interesse per permettersi i soldi presi in prestito? Al momento, si sta pagando circa 200 miliardi di dollari all’anno di interessi. Questo è circa il 18% delle entrate fiscali federali. Sul reale mercato dei tassi di interesse, il governo federale potrebbe spendere il 6% annuo. In tal caso, spenderemmo 850 miliardi dollari l’anno, pari al 77% delle entrate fiscali. Questo è l’interesse sul debito che hanno oggi gli Stati Uniti. Si ha in prestito circa il 40% del denaro che il governo spende ogni anno. Una qualsiasi azienda o nucleo familiare che fosse nella stessa situazione fallirebbe nel giro di pochi anni. Non ci si può permettere di spendere il 77% delle entrate fiscali sul pagamento degli interessi. Non si può sempre stampare trilioni di nuovi dollari per finanziare i i debiti. Nessuno però a Washington vuole far capire quanto sia precaria la situazione. Un default del debito da parte degli Stati Uniti sarebbe stato inevitabile se non fosse per una anomalia semplice, l’unica cosa che ha salvato gli Stati Uniti finora. La capacità unica di stampare semplicemente più soldi. Il governo degli Stati Uniti ha un arma molto importante da usare in questa crisi. Gli Stati Uniti sono i soli debitori al mondo che possono legalmente stampare dollari. E il dollaro USA è la valuta di riserva del mondo. Il dollaro costituisce la base del sistema finanziario mondiale. Questo potrebbe sembrare un bene in un primo momento ma ecco perché il più grande vantaggio è sul punto di scomparire. Lo scorso agosto, i cinesi hanno pubblicato una critica feroce sulla manipolazione del governo americano riguardo la recente crisi finanziaria, chiedendo una nuova valuta di riserva mondiale. Il dollaro USA è stata la valuta di riserva mondiale per decenni. La maggior parte degli americani non ha idea sulle ripercussioni che si avranno perdendo questo status. Questo è esattamente ciò che accade quando un paese è troppo indebitato o quando si consuma troppo e si produce poco. La stessa cosa è successa in Gran Bretagna nel 1970. La maggior parte delle persone non lo sa, ma la sterlina era la valuta di riserva in gran parte del mondo per quasi 200 anni. Ha continuato a svolgere questo ruolo fino a dopo la seconda guerra mondiale, quando l’America sostenne l’economia della Gran Bretagna con il famoso Piano Marshall assieme agli altri paesi europei per la ricostruzione. La Gran Bretagna perseguì un programma socialista e nazionale. Il governo assimilò tutti i principali settori. Ben presto il paese era completamente al verde. Il colpo di grazia arrivò nel 1967, quando i laburisti (socialisti) decisero di svalutare la valuta britannica del 14%, credendo che questo avrebbe reso più facile permettersi i debiti. In realtà, chiunque deteneva la sterlina britannica era del 14% più povero e per il paese, iniziò uno dei peggiori decenni della storia moderna britannica. La maggior parte delle persone non sa che alla fine del 1970, quando il governo congelò i salari, ci furono scioperi continui in quasi tutti i settori, becchini, collezionisti, spazzatura, anche gli ospedalieri. Nel 1975, l’inflazione salì alle stelle. Il 26,9% in un solo anno. La Gran Bretagna è stata una superpotenza globale per 150 anni ma quando ha iniziato a svalutare la loro moneta, le cose sono andate subito molto male. La stessa cosa sta accadendo al dollaro statunitense. Infatti, il valore di scambio del dollaro è sceso di quasi il 10% dal giugno 2010. E il suo tasso di declino sta accelerando. Mentre il dollaro continua a perdere la sua posizione come valuta del mondo, gas, petrolio e altre materie prime continueranno a salire alle stelle. Quasi tutto quello che si consuma sarà notevolmente più costoso. Tutto l’abbigliamento, mobili e articoli per la casa saranno importate dalla Cina. Tutto il cibo dal Centro e Sud America, tutti i dispositivi elettronici, televisori, computer e automobili dall’Asia e dall’Europa. Quando si guarda agli anni scorsi, i numeri sono sorprendenti. Molti prodotti sono saliti alle stelle nel prezzo, solo dall’inizio del 2009. Stampando più soldi, i prezzi delle materie prime sono saliti alle stelle. In tutto il mondo quando i prezzi salgono c’è una protesta dei cittadini e i governi saltano. Il governo americano non può smettere di stampare denaro, perché non c’è altro modo per permettersi i debiti esistenti. Molti dei nostri creditori, come i cinesi, stanno uscendo dall’orbita del dollaro il più velocemente possibile. Tutto ciò causerà un rallentamento brutale dell’economia, che probabilmente sarà di almeno 10 volte peggio della crisi dei mutui del 2008. Sam Zell, uno degli uomini più ricchi d’America e uno dei migliori investitori del mondo ha dichiarato questo alla CNBC: “La mia preoccupazione più grande è la perdita finanziaria del dollaro come valuta di riserva. Non riesco a immaginare nulla di più disastroso per il nostro paese. Sto sperando che non succeda, ma si sta già avverando. Penso che si potrebbe ridurre del 25% il tenore di vita in tutti gli Stati Uniti”. Jim Rogers, un’altro grande investitore dice: “Il dollaro non è solo in declino, ma sarà disastroso se non si fa qualcosa presto, credo che il dollaro potrebbe perdere il suo status di valuta di riserva mondiale, cosa che porterebbe a un calo enorme nello standard di vita dei cittadini americani come non abbiamo mai visto in quasi un secolo”. Lo stesso presidente della Banca Mondiale, Robert B. Zoellick, ha dichiarato cose simili. Negli ultimi 100 anni, molti altri governi hanno cercato di fare ciò che il governo americano sta facendo oggi, cioè stampare moneta per pagare debiti insormontabili. E negli ultimi 100 anni, questo tipo di crisi, inflazione e debito ha colpito Germania, Russia, Austria, Argentina, Brasile, Cile, Polonia, Ucraina, Giappone e Cina, solo per citarne alcuni. La Grecia sta cadendo a pezzi. Italia, Irlanda, Portogallo e Spagna sono tutte nei guai. E ora lo stesso processo è ben avviato negli Stati Uniti. Molti Stati stanno adottando misure straordinarie per tagliare i costi. Il FMI ha proposto di sostituire il dollaro con qualcosa chiamato “Diritti Speciali di Prelievo” o DSP. I DSP rappresentano potenziali reclami contro le monete dei membri del FMI. I DSP sono stati creati dal FMI nel 1969 e possono essere convertiti in qualsiasi valuta, sulla base di un paniere ponderato di valute internazionali. Quando il FMI presta soldi, lo fa in genere così, via DSP. Il FMI ha anche proposto la creazione di SDR-obbligazioni denominate, che potrebbero ridurre la dipendenza delle banche centrali sui Buoni del Tesoro degli Stati Uniti. Il Fondo ha anche suggerito per alcune materie prime, come il petrolio e l’oro che sono negoziati in dollari statunitensi, di essere prezzati con DSP. Questo potrebbe costituire un passo enorme e importante per sostituire il dollaro come valuta di riserva mondiale. Ma come si fa a sapere esattamente quando una valuta viene svalutata? L’ultima cosa che un banchiere vuole fare nel bel mezzo di una svalutazione è quello di dare alla gente un avvertimento prima che riesca a svalutare. Così devono negare. Dopo l’annuncio, è troppo tardi uscirne per i cittadini e gli investitori. Lo scorso autunno, un gruppo di paesi tra i più potenti al mondo, tra cui Cina, Giappone, Russia e Francia, si sono riuniti per un incontro segreto senza gli Stati Uniti. Il giornalista Robert Fisk esperto di Medio Oriente ha riferito su questo evento al The Independent. “Gli arabi del Golfo stanno progettando insieme a Cina, Russia, Giappone e Francia di finire i rapporti in dollari per il petrolio, passando invece a un paniere di valute tra cui lo yen, yuan, l’euro, oro e una nuova valuta unificata prevista per le nazioni di cooperazione del Golfo, tra cui l’Arabia Saudita, Emirati Arabi, Kuwait e Qatar”. “Questi progetti cambieranno il volto delle transazioni finanziarie internazionali. L’America e la Gran Bretagna devono essere molto preoccupate”. Russia e Cina hanno già annunciato un accordo alla fine del 2010 in cui la Russia non ha più bisogno di dollari per comprare dai cinesi. Già in molti paesi i turisti americani hanno parecchie difficoltà a fare accettare i dollari nei pagamenti, sono quasi sempre costretti a dover cambiare la valuta. Cosa impensabile fino a pochissimo tempo fa. Nel 1979, c’erano 61 aziende americane che hanno raggiunto il primo livello di rating AAA da Moody. Oggi, ce ne sono solo quattro: Automatic Data Processing, ExxonMobil, Johnson & Johnson e Microsoft. L’economia americana è in un momento disastroso. Le tasse sono già alle stelle e Barack Obama promette di renderle molto più elevate nel corso dei prossimi anni. Inoltre quasi tutti i principali operatori finanziari del mondo si stanno preparando ad una alternativa al dollaro come valuta di riserva mondiale. E se avete ancora dubbi, basta dare uno sguardo al prezzo dell’oro e dell’argento rispetto al dollaro nel corso dell’ultimo decennio. L’unico motivo per cui la gente compra metalli preziosi come oro e argento è perché si rende conto che ci sono grossi problemi con il risparmio di denaro in valute ordinarie. E dal 2000, l’oro è di oltre il 500%, mentre l’argento è più del 600%. Con tutto quello che è accaduto negli ultimi mesi, il downgrade del governo degli Stati Uniti da parte di Standard & Poor, il picco dei prezzi in oro e argento, gli inviti a presentare una nuova moneta globale, ancora molti americani non stanno prendendo le misure necessarie per prepararsi. Queste persone stanno per essere risvegliate in modo molto brusco.

Fonte:

kestorya

beaconequity

 

site statistics

Share:
Condividi

About admin